martedì 25 aprile 2017

Il nostro Savage Day


Si è concluso con un articolo su juventus.com la nostra fantastica Domenica a tinte bianconere. É stata questa solo l'ultima delle mille emozioni che hanno segnato il weekend appena concluso.

In occasione di Juventus-Genoa sono infatti arrivati a Torino due discendenti di Tom Gordon Savage, Anna e Alasdaire, per vedere con i propri occhi ciò che il loro avo ha reso per noi così speciale.

La giornata di per sè già speciale, essendo proprio Domenica 23 Aprile il 66esimo anniversario dalla scomparsa di Tom Savage, era stata pianificata nel dettaglio grazie al Centro Coordinamento Juventus Club Doc ed all'infaticabile Antonio Sorgi di Londra Bianconera (cui va il nostro più sentito ringraziamento).

La Juventus aveva organizzato un'esperienza a forti tinte bianconere ospitando tutta la nostra delegazione (20 persone in totale tra italiani ed inglesi) per lo Stadium Tour e la visita al J|Museum.
Proprio quest'ultima location è stata teatro del momento clou della giornata, ribattezzata per l'occasione Savage Day.
Grazie all'interesse dimostrato per questa vicenda, gli eredi di Savage insieme al supertifoso magpie Andy Black hanno consegnato a Marco Albano (Juventus Museum & Stadium Tour Manager) una maglia preparata apposta per l'occasione.
La maglia del Notts County, firmata da tutta la squadra inglese, riporta sulla schiena il nome di Savage e "1903" la data riconosciuta come la prima volta che la Juventus vestì appunto in bianconero.


Questa simbolica casacca, omaggio da parte del Notts County Football Club e fortemente voluta da Alan Hardy, troverà presto posto nella teca dedicata ai primi passi della Juventus, proprio all'inizio del museo.
Nella giornata di Domenica è stata inoltre modificata l'iscrizione che portava il nome di John Savage come importatore della maglia bianconera (vedi le foto per scoprire la nuova scritta). Sebbene fosse noto che John fosse solo il soprannome, per la famiglia Savage era importante che venisse indicato anche il nome vero e proprio, Tom Gordon.

Evento nell'evento è stato poi l'arrivo di Antonio Romano e delle telecamere di J|Tv che hanno raccontato questa storia e concesso un'intervista al nostro Stefano.

Dopo aver ammirato le meraviglie dell'universo bianconero e prima di assistere al roboante 4-0 ai danni del Genoa, ci è stata concessa un'ulteriore passerella con una emozionante intervista sugli spalti della Nord dove i Magpies hanno trovato posto per assistere alla partita. 

É stata una giornata di grandi emozioni per noi Italian Magpies che da oltre 5 anni ci mettiamo la nostra passione per avvicinare questi due club e ricordare una storia unica nel panorama calcistico mondiale. Vedere l'attenzione che la Juventus ha dato ai due eredi di Savage (ospiti in tribuna Agnelli insieme ad Andy Black) ed all'intero evento, ci ha regalato enorme soddisfazione.

Tutti i nostri ospiti sono stati entusiasti di quello che hanno vissuto, in particolare Anna ed Alasdaire che si sono emozionanti in diversi momenti, in particolare alla consegna della maglia al museo e all'interno dello stadio quando hanno davvero realizzato la portata di ciò che il loro avo ha creato.

Un grazie infinito alla Juventus, inesauribile dispensatrice di emozioni.
Grazie al Centro Club DOC, allo Juventus Club Doc Londra Bianconera e ad Antonio Sorgi.
Grazie a J|Tv.
Grazie a Marco Albano, a Federica, a tutto lo staff del J|Museum, del J|Stadium.
Grazie a Tom Gordon Savage ed ai suoi discendenti.

Grazie al nostro Andy Black.




Nessun commento: